L'area di Morbegno

bassava.gif (30942 byte)

La zona di Morbegno si trova allo sbocco delle valli del Bitto che comunicano, tramite il passo di S. Marco, con le valli bergamasche. La bocchetta di Traona, mette in comunicazione il territorio con la regione dell’Alto Lario e la Valsassina, ricca di miniere di ferro, in cui è ben testimoniata la presenza celtica e romana. Poche sono le testimonianze preistoriche e anteriori all’età medievale di questa zona posta in un’area geografica così importante. Nel 1987, mentre compiva alcuni lavori di sistemazione del terreno vicino alla sua casa, posta accanto a un’antica sorgente detta "Rebes", Ettore Acquistapace ha ritrovato due grosse pietre con incise delle coppelle; in particolare una presenta nove coppelle della profondità di alcuni centimetri. Nel 1993 il prof. Pierluigi Annibaldi ha rinvenuto, in località "Tempietto", all’imbocco della Val Gerola, una concentrazione di incisioni simboliche: croci, coppelle, canali. Le incisioni sono state eseguite su alcune rupi montonate affiancate dai prati e dai terreni del luogo. L’importanza del valore preistorico dei segni incisi è stato avvalorato dall’archeologo prof. Davide Pace al quale erano stati affidati i calchi e il materiale fotografico.


Val Chiavenna
Val Chiavenna

Berbenno - Castione
Berbenno
Castione

Pagina curata da Elisa Cusini e Sonia Venturini