Alla mappa delle pagine sull'area di Tirano Valle di
Poschiavo

(Svizzera)

romedio.jpg (24946 byte)

Il vasto territorio della Valle di Poschiavo, pur trovandosi tra due valli ricche di ritrovamenti preistorici, quali l'Engadina (a nord) e la Valtellina (a sud), finora non ha ancora rivelato importanti siti caratterizzati dalla presenza di incisioni su roccia; questo, sicuramente, č dovuto anche al fatto che, allo stato attuale delle cose, non č stato oggetto di ricerche sistematiche.
La sua collocazione nell'arco alpino, quale grande corridoio di collegamento tra due versanti sicuramente colonizzati dall'uomo in epoca protostorica, di certo ha favorito l'insediamento in tempi anche molto remoti.
Solo un auspicabile lavoro di ricognizione a tappeto della valle potrą confermare questa ipotesi e offrire a studiosi ed appassionati, senza ombra di dubbio, diversi luoghi di importanza archeologica.
Per ora č noto solo il ritrovamento, avvenuto negli anni Settanta ad opera del gruppo tiranese "Associazione per la ricerca di incisioni rupestri e reperti archeologici di Valtellina", di alcune coppelle in localitą Monte Scala (Val di Saiento), a monte di Campocologno.
Esse si ricollegano a quelle rinvenute nei limitrofi comuni di Tirano, Villa e Bianzone,   a cavallo del confine italo - svizzero.


L'area di Tirano
Tirano

Foto F. Pollini ©: San Romerio, xenodochio medievale in Val Pschiavo