homeS.Ippolito
Martire a partire dal 3 secolo


S.Ippolito nell'oratorio di Tovo

 

Sotto  il  pontificato  del  saggio  Ponziano si  aprì nella  Chiesa  romana uno  scisma, cioè  una  divisione  interna. A  provocarlo fu  Ippolito, sacerdote  coltissimo, conoscitore  delle  scritture e  ossequiente  alla  tradizione, ma moralista  troppo  severo. Trovava  la  Chiesa  eccessivamente  indulgente  nella  remissione  dei  peccati, troppo  tollerante  e  fu  il  primo  antipapa. La  sua  fu  una  ribellione in buona fede, ispirata da sacro zelo. Quando divenne imperatore, Massimino riprese  la  persecuzione  contro  i  cristiani, scismatici e ortodossi, ed esiliò in Sardegna sia il papa sia l'antipapa. Per evitare che la sede apostolica restasse vacante, Ponziano rinunciò al pontificato e il suo gesto commosse Ippolito, che dichiarò disciolta la sua chiesa illegittima e invitò i suoi seguaci a rientrare in seno alla vera chiesa. Morì insieme all'antico rivale dopo pochi mesi di durissima vita nelle miniere della Sardegna

torna alla home dei santi