homeS.Lorenzo
Martire del III secolo


S.Lorenzo in S.Stefano - MazzoSpagnolo, fu designato come Arcidiacono da Papa Sisto II a capo dei diaconi romani. Fu vittima d'una persecuzione di carattere fiscale, istigata dal ministro delle finanze ed attuata dall'Imperatore Valentiniano, che, nel 257, cercò di spogliare la nascente Chiesa sospettata di avere accumulato segreti tesori. Arrestato, di fronte alla richiesta di consegnare i tesori, San Lorenzo, radunati i ciechi, gli storpi, i malati e i poveri della città, li presentò all'Imperatore, dicendo: "Ecco i tesori eterni, che non diminuiscono mai e che fruttano sempre, sparsi in tutti e dappertutto". Le casse dello Stato però volevano oro e non storpi, ciechi, muti e affamati! Perciò l'Arcidiacono Lorenzo venne arrestato e lungamente martirizzato.
torna alla home dei santi

Pagina curata da Daniela Pini