home
S.Abbondio - VIONE (Mazzo)

la facciata

Un tempo visibile da chi risaliva la valle, la chiesa di S.Abbondio oggi invece nascosta da costruzioni civili.
La struttura, che sembra risalire a epoca umanistico-rinascimentale, una delle pi suggestive della zona. Di dimensioni ridotte, affiancata da un campanile possente, caratterizzato da bifore e archetti ciechi che hanno fatto pensare a un'architettura romanica, mentre l'osservazione delle strutture murarie ha portato a concludere che fu sicuramente costruito in epoca successiva alla chiesa.
veduta laterale L’abside si presenta esteriormente coperta da due tetti, uno sopra l’altro, divisi da una serie di archetti decorati a graffito e sorretti da pilastrini, che conferiscono grazia particolare all'edificio.
Sulla semplice facciata a capanna, forata da un occhio sopra il portale, spicca un affresco del Valorsa (cm. 160 x 160) su cui raffigurata una Madonna in trono col bambino tra i santi Abbondio alla sua destra e Antonio Abate a sinistra.
L’interno della chiesa ha un soffitto ligneo e l’abside curva, separata dalla breve navata da una cancellata in ferro battuto (17 secolo), fu decorata interamente dal Valorsa.

 

l'affresco sulla facciata: Maria in trono fra i SS.Abbondio e Antonio abate

 

veduta posteriore
Particolare dell'affresco sulla facciata

Affresco della facciata (cm. 160 x 160)
Piuttosto deteriorato, presenta purtroppo colori molto sbiaditi; di conseguenza possiamo solo ipotizzare l'impatto che doveva produrre l'arancio-oro caldo e brillante del manto di S.Abbondio sapientemente contrapposto al violetto dell'abito di S.Antonio. Maria una giovane donna robusta, dal volto tondo con i lineamenti decisamente marcati, simile a parecchie figure di sante e madonne ritratte dal Valorsa in questa stessa chiesa (Maddalena, Margherita…) o altrove (la Madonna della tela di Agneda…) ma molto diversa da altre, sempre del nostro, che presentano invece tratti somatici fini e delicati (la Madonna di Bianzone, quella dell'affresco sulla casa natale).

carta stradale

torna alla home delle chiese


Pagina curata da Claudia Franzini