Descrizione degli elementi architettonici

La facciataLa facciata della chiesa orientata in direzione ovest, mentre l'abside, come in moltissime altre chiese, esposta ad est. E' formata da una sola grande navata, chiusa da una piccola abside; il soffitto a capriate. la facciata molto semplice, a "capanna", presenta un modesto portale ora chiuso da un'inferriata cementata nel muro. Il portale protetto da un tetto a due falde, sopra questo si apre una piccola finestra leggermente strombata, ai lati si notano due aperture piuttosto ampie, ora murate. Ai lati della facciata si notano due paraste. nella parete nord si apre una porta, ora murata, mentre sulla parete sud, a strapiombo sul dosso roccioso, una piccola finestra rettangolare. Il campanile si eleva nell'angolo sud-est dell'edificio, costituito da una cella campanaria che presenta quattro aperture e un tetto a piramide, ciascuna delle quali ornata da un frontoncino. Caratteristico il fatto che il campanile sia incorporato nei muri e che coincida con lo spigolo delle pareti. E' probabilmente ci che rimane dell'antico edificio quattrocentesco. La struttura attuale della chiesa ad un ampliamento avvenuto nel 1600. la chiusura in cemento di alcune aperture stata attuata dopo una serie di atti di vandalismo.

L'interno

L'interno prima delle operazioni di puliziaPurtroppo la chiesa inagibile, l'interno in uno stato pessimo, anche se recentemente si provveduto ad operazioni di pulizia.

La chiesa, a navata unica, stata spogliata di tutti i suoi arredi. L'altare, contornato da stucchi ottocenteschi, era dotato di un dipinto seicentesco lungamente attribuito a Pietro Ligari e raffigurante il martirio del Santo. La tela, sottratta da ignoti nel 1972 e poi recuperata, in attesa di essere ricollocata al suo posto. Il piccolo altarolo del XV secolo pervenuto al Museo Valtellinese di Storia ed Arte alcuni anni orsono. Restaurato nel 1964 rappresenta, nelle due antine, i santi Bartolomeo e Giovanni evangelista. Nella cuspide si intravede Dio Padre e in quelle laterali l'Angelo Gabriele e la Vergine Annunziata. Al centro, in sostituzione della figura dipinta a tempera, troviamo una Madonna col Bambino su tela.

Recentemente, sulla parete sud, sono stati scoperti degli affreschi risalenti, probabilmente, al XV secolo.

Presentazione Il sito Il percorso da Sondrio a S. Bartolomeo e ritorno L'architettura: visita alla chiesa La storia Vita di San Bartolomeo apostolo
Le nonne ricordano e raccontano Altre chiese dedicate a S. Bartolomeo in Valtellina Le nostre attivit Proposte per il recupero e la salvaguardia Riferimenti e ringraziamenti Ritorno alla copertina